Filosofia Religiosa,


Religione e Chiesa


DEL PROFESSOR G. C. OOSTHUIZEN
DELLA FACOLTÀ DI SCIENZA DELLE RELIGIONI
UNIVERSITÀ DI DURBAN-WESTVILLE,
NATAL, SUD AFRICA

Quale studioso di scienza delle religioni, ho lavorato parecchi anni nel campo delle religioni comparate. Sono un fedele di una Chiesa Calvinista ma, come accademico, al quale viene richiesta un'analisi obiettiva, indipendentemente dal proprio credo religioso, sono richiamato dalla mia coscienza ad essere obiettivo. Per cui la soggettività deve essere accantonata a vantaggio del contesto più ampio in cui si opera. Sarebbe deviante se ci si attenesse solo alle proprie norme, e un tale comportamento, in uno stato che ammette la libertà religiosa, potrebbe essere anche molto pericoloso.

Una qualsiasi discussione centrata sulle varie accentuazioni immanenti e trascendentali di Scientology, sarebbe difficile da comprendere, se mancasse una conoscenza delle religioni orientali, in particolar modo del Buddismo, riconosciuto come religione nel Sud Africa. Vi sono ulteriori aspetti da considerare, quali l'interesse per la sopravvivenza fisica e spirituale e l'"Energia Vitale" o l'"Essere Supremo" e l'importanza di questa "energia" che non fa parte dell'universo fisico; non per ultimo il valore dato alla comunicazione nelle relazioni umane e all'uomo quale essere spirituale.

<*<Precedente>*>       <*<Successivo>*>