Pur basandosi sul presupposto che gli esseri umani sono fondamentalmente buoni, gli Scientologist riconoscono che sono anche capaci di azioni malvagie. Tuttavia, gli atti malvagi perpetrati dagli esseri umani sono considerati come aberrazioni dell'innata bontà della natura umana. Da questo punto di vista, l'imperativo etico centrale di Scientology è correggere le aberrazioni etiche e ripristinare la bontà originale dello spirito umano. Essenzialmente, l'etica religiosa non è altro che il ripristino della condizione primordiale di armonia etica.

Nella storia delle religioni, i sistemi di etica religiosa non si sono limitati a prendere in considerazione azioni specifiche, né a proibire certi atti - come mentire, rubare o uccidere - e a raccomandarne altri. L'etica religiosa si è rivolta anche a quelle che possono essere definite come "disposizioni d'animo". Nella tradizione cristiana, per esempio, i teologi medioevali hanno compilato una lista dei sette peccati capitali: orgoglio, ira, concupiscenza, pigrizia, cupidigia, gola e invidia. Questi peccati non erano azioni particolari, ma disposizioni d'animo che allontanavano gli esseri umani da Dio. Come disse Dante Alighieri nella Divina Commedia, questi peccati erano sette forme diverse dello stesso "amore male indirizzato"24. Secondo Dante, il desiderio mal indirizzato produceva l'alienazione degli esseri umani dall'amore divino che aveva orchestrato l'armonia delle sfere celesti. L'etica religiosa, in ultima analisi, implicava la trasformazione della dissonanza spirituale in armonia spirituale.

<~~Precedente~~       ~~Successivo~~>